23 novembre 2012

Come diventare Guida Turistica in Toscana?

David - Michelangelo
Galleria dell'Accademia

Ecco il secondo di una serie di post che riguarderanno l'argomento "Come diventare Guida Turistica?". Oggi vi parlerò di come diventare Guida Turistica nella Regione Toscana.
Per le altre Regioni clicca qui.

La Toscana è una Regione nella quale per diventare Guida Turistica a mio modesto avviso, devi avere un pò di soldini da parte o avere la fortuna di aver scelto la giusta università! Mi spiego meglio.
La legge a cui fare riferimento per trovare tutte le informazioni per diventare Guida Turistica in Toscana è la Legge Regionale 23 marzo 2000, n.42 "Testo Unico delle Leggi Regionali in materia di Turismo" modificato con L.R. 17 gennaio 2005 n. 14.

Il Titolo III di tale legge disciplina l'accesso, l'abilitazione e l'esercizio della professione di guida turistica in Toscana.
La legge recita che "è guida turistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone con lo scopo di illustrare le attrattive storiche, artistiche, monumentali, paesaggistiche, nonche’ le risorse produttive del territorio".
Quindi più o meno è la stessa definizione che danno anche le altre Regioni d'Italia.

Come si ottiene l'abilitazione?
La Regione Toscana ha optato per un accesso difficoltoso alla professione di guida turistica e a volte proibitivo. L'abilitazione si può ottenere in due modi:
- La frequenza di corsi di qualificazione professionale (a pagamento!) con il superamento di un esame;
- Possesso di un titolo di studio universitario tra quelli che indicherò sotto e superamento di un esame. ("Il possesso del titolo di studio universitario sostituisce la frequenza del corso").

Quali sono i requisiti richiesti?
Per l’esercizio della professione e’ necessario il possesso dei seguenti requisiti:
a) diploma di scuola media superiore; (che serve solo per accedere ai corsi di qualificazione!)
b) abilitazione all’esercizio della professione, conseguita mediante la frequenza dei corsi di qualificazione professionale e il superamento dell’esame;
b bis) titolo di studio universitario e superamento dell’esame.

Gli unici titoli di studio universitari ammessi sono quelli riportati nel Regolamento attuativo della legge regionale n. 42 del 23/03/2000 approvato con DPGR n. 46 del 7 agosto 2007, e cioè:
a) laurea in scienza dei beni culturali, con superamento esame storia dell’arte;
b) laurea con indirizzo archeologico, con superamento esame storia dell’arte;
c) laurea in lingua e letteratura straniera , con superamento esame storia dell’arte;
d) laurea in lettere, con superamento esame storia dell’arte;
e) laurea in architettura, con superamento esame storia dell’arte;
f) laurea in scienza del turismo, con superamento esame storia dell’arte;
g) altra laurea ritenuta equipollente a quelle sopra indicate dalla competente autorità, con superamento dell’esame di storia dell’arte.

Quindi, ricapitolando, per diventare guida turistica in Toscana devi o avere ottenuto una laurea (anche triennale) tra quelle sopra indicate oppure frequentare un corso di 800 ore il cui costo si aggira sulle 2000 euro! Quindi se sei un toscano e non hai avuto la possibilità di andare all'università e i tuoi genitori non sono abbastanza ricchi da pagarti un corso che costa circa 2000 euro, senza nessuna certezza di ottenere l'abilitazione, Amen! Fattene una ragione!

I corsi di qualificazione
"La provincia riconosce corsi di qualificazione professionale e di specializzazione per guide turistiche, ai sensi della normativa regionale vigente.
I corsi di qualificazione assicurano la formazione teorica e pratica della guida turistica con l’acquisizione di conoscenze sugli ambiti territoriali provinciali e si concludono con un esame di abilitazione e il rilascio di un attestato di qualificazione.
L’ammissione ai corsi di qualificazione è subordinata al possesso del diploma di scuola media superiore e alla conoscenza di una lingua straniera.
I corsi di specializzazione sono finalizzati all’ampliamento delle competenze e all’approfondimento delle conoscenze, comprendono la specializzazione su specifici siti museali e su particolari settori tematici e si concludono con un esame e con il rilascio del relativo attestato di specializzazione."
Pertanto una volta superato il corso di qualificazione si è Guida Turistica nella provincia di appartenenza, ma con alcune limitazioni. E' necessario seguire un corso di specializzazione per ricoprire il ruolo in tutto e per tutto!

L'esame
La commissione d’esame è composta da:
a) un rappresentante della provincia, con funzioni di presidente;
b) due esperti nel settore, designati dalla provincia;
c) due esperti nel settore, designati dalle associazioni di categoria delle guide turistiche o delle guide ambientali.
Purtroppo non ho trovato nessuna legge che descriva lo svolgimento dell'esame, ma sul sito della Provincia di Firenze è indicato che al termine del corso di qualificazione verrà svolto un esame composto da una prova scritta, da una prova orale e da una prova di simulazione svolta in forma orale, così come l'esame svolto per coloro che possiedono il titolo di studio universitario.
Qui trovate un esempio di programma di esame per Guida Turistica in Toscana.
Gli esami vengono effettuati normalmente ogni anno ma questi tempi possono variare non essendoci nessuna legge che obbliga le provincie a pubblicare bandi ogni anno.

E una volta superato l'esame?
Una volta superato l'esame per prima cosa si viene registrati in un elenco nominativo suddiviso per provincia in quanto non esistono albi regionali o provinciali. Il Comune rilascia una tessera di riconoscimento con fotografia con l’indicazione degli ambiti territoriali e delle specializzazioni per le quali è stata conseguita l’abilitazione.
Dopo questo per esercitare la professione di guida turistica si deve presentare al Comune di residenza una denuncia di inizio di attività. A questo punto sorge un problema, se non sei residente o domiciliato in Toscana non puoi esercitare la professione (e ovviamente non puoi nemmeno iscriverti all'esame), e inoltre se non denunci l'inizio dell'attività puoi andare in contro ad una multa tra 600,00 e 3000,00 euro.

Per di più la legge recita che l’esercizio dell’attivita’ e’ consentito:
a) negli ambiti provinciali per i quali e’ stata conseguita l’abilitazione;
b) senza limiti territoriali, nella specializzazione in particolari settori tematici, ove la stessa guida turistica abbia conseguito l’ulteriore abilitazione;
c) per la visita di musei, gallerie, opere d’arte, ville, scavi archeologici per i quali sia stata conseguita ulteriore specifica abilitazione.
Qualora la guida turistica consegua l’abilitazione in tutti gli ambiti provinciali, assume il titolo di "Guida della Toscana".

Va bene che esistono due specializzazioni ma non capisco una cosa:
Se ad esempio una persona si abilita per un ambito provinciale, non può entrare in certi musei o scavi archeologici senza aver ottenuto la specilizzazione?
E per quale motivo aggiungere due specializzazioni dopo aver svolto già un corso di 800 ore?
Forse perchè si vogliono guadagnare soldi a discapito di chi vuole accedere a tale professione?
O forse perchè possono diventare guide turistiche solo coloro che hanno un reddito oltre la media, creando così una vera e propria casta?
Ogni risposta è gradita! Questo è solo un mio pensiero, non condanno i corsi di qualificazione e specializzazione in quanto tutte le guide della Toscana sono persone preparate e colte, ma ritengo che anche chi non ha la possibilità di accedere ai corsi a pagamento debba poter usufruire di una opzione alternativa. Basterebbe che la Regione investisse in questi corsi, in quanto formerebbe persone preparate che divulgano la nostra cultura ai turisti italiani e stranieri nel mondo.
Ho letto sul sito di Firenze che esistono delle agevolazioni, e che a volte vengono realizzati corsi gratuiti pagati dall'UE. Ma spero che di questi corsi ce ne siano di più in futuro per permettere a tutti coloro che ne sono capaci, di poter diventare Guida Turistica. In fondo la Toscana è una terra a vocazione turistica, che viene visitata ogni anno da tantissime persone, per cui non credo che qualche Guida in più crei concorrenza.

Per leggere gli altri post che spiegano come abilitarsi nelle altre Regioni Italiane clicca qui.
Per essere sempre aggiornato e ricevere i prossimi post, iscriviti alla newsletter inserendo la tua email nell'apposita casella in alto a destra della pagina di questo blog.

Di seguito trovate i link delle provincie della Toscana in riferimento alla professione di Guida Turistica:
Come diventare Guida Turistica ad Arezzo?
Come diventare Guida Turistica a Firenze?
Come diventare Guida Turistica a Grosseto?
Come diventare Guida Turistica a Livorno?
Come diventare Guida Turistica a Lucca?
Come diventare Guida Turistica a Massa Carrara?
Come diventare Guida Turistica a Pisa?
Come diventare Guida Turistica a Pistoia?
Come diventare Guida Turistica a Prato?
Come diventare Guida Turistica a Siena?

1 commento:

  1. Ciao a tutti, sapreste dirmi o consigliarmi una bibliografia più specifica per l'esame da guida turistica a Firenze? Grazie

    RispondiElimina